L’eleganza del passato

 

E’ un’eleganza  che non scuote quella del passato, perché sa di avere tempo, di aver fatto il suo gioco palese e di poter riproporsi  senza fretta… E’ un’ eleganza consapevole del suo valore raffinato e potente tanto da essere sopravvissuto oltre ogni moda.

Il fascino elegante del passato

Talvolta ripenso con magica gratitudine a quei pomeriggi della mia infanzia mentre guardavo i film che oggi i detrattori degli anni 50-60-70 definirebbero preistorici.

I ritmi erano lenti confrontati a quelli odierni, a volte i contenuti erano basati sull’evoluzione di un unico sentimento. Incredibilmente  nessun effetto speciale ti squarciava l’animo o l’attenzione,  un solo omicidio era sufficiente a portare avanti un film giallo senza necessità di brandelli di corpi ed anatomie evidenti in primo piano.  Eppure chi non ricorda l’emozione di colazione da Tiffany quando “gatto”  sparisce tra la pioggia e le cassette, chi può dimenticare l’eleganza della sua sgomenta  padroncina,  Audrey Hepburn.

“Io e il mio gatto… siamo due randagi senza nome che non appartengono a nessuno e a cui nessuno appartiene.”

Chi può dimenticare il sorriso civettuolo e lo sguardo ammaliatore di Rossella o’Hara… indimenticabile Vivian Leight di Via col Vento..

“Dopotutto domani è un altro giorno” … potrei proseguire con una lunga serie di ricordi indelebili che appartengono ad un mondo che non c’è più…

Soprattutto  ripenso a quell’eleganza sottile, a quei lenti sorrisi nei pomeriggi assolati, quando ancora esistevano delle ore in cui non bisognava correre, produrre, distruggere, inquinare…Quando il lento tic tac del pendolo in soggiorno accompagnava il punto a croce,  il tintinnio degli aghi di chi faceva a maglia, o lo scorrere di una matita su un foglio. Ed è con la stessa emozione di quando stringo un oggetto del passato,  che ritrovo dolci energie sopire lente, come un vecchio che vorrebbe raccontarti la sua storia  ma  non vuole interrompere chi sta parlando velocemente e con più forza di lui.

E’ un’eleganza  che non scuote quella del passato, perché sa di avere tempo, di aver fatto il suo gioco palese e di poter riproporsi senza fretta… consapevole del suo valore, raffinato e potente per essere sopravvissuto oltre ogni moda

Un mercatino del riusabile.

 

NATO DALLA PASSIONE DI UN ARREDATORE E DI UN’INFORMATICA PER LE COSE BELLE, L’ECO-SALVAGUARDIA E LA RIVISITAZIONE DEI PRODOTTI, ARAQUÀ È UN NEGOZIO CHE PROPONE NUOVE IDEE PER L’ARREDAMENTO BASATE SUL RIUSO DEGLI OGGETTI VINTAGE ED UN USATO “POCO USATO” INTERESSANTE A PREZZI VANTAGGIOSISSIMI.

BORN FROM THE PASSION OF A DECORATOR AND  A SOFTWARE DEVELOPER FOR BEAUTIFUL THINGS,  THE ECO-PRESERVATION AND REINTERPRETATION  OF  PRODUCTS, ARAQUÀ IS A STORE THAT OFFERS  NEW IDEAS FOR DÉCOR CREATION BASED ON THE  REUSE OF OBJECTS, VINTAGE AND AN INTERESTING  USED “LITTLE USED” AT VERY  FAVORABLE PRICES.

INAUGURAZIONE CON ARTISTA

Un’altro evento con la presentazione di una bella personale di installazioni, luminose, pittoriche, di un’artista triestina, Simonetta Cusma si è svolta il giorno dell’inaugurazione di Araquà. Informazioni per visionare le opere sono sempre disponibili nel nostro negozio. Araquà che arte……

received_1188115681200411received_1188112361200743received_1173727162639263received_1188112354534077

APERITIVO CON L’ARTISTA

Venerdì 8 luglio scorso è stata,  la volta della personale fotografica, sul tema della Rosa), visitabile fino ai primi di Settembre 2016, di Fedele Eugenio Boffoli che, nella stessa serata inaugurale, si è esibito con un performance di Action Painting sull’abito indossato), con modelli d’eccezione, quali  Daniela Furlan, Marina Hudler, Luca Bevilacqua e la stessa Sonia Nittolo, accompagnato dalle geniali improvvisazioni, musicali, di Fulvio Minghinelli; ma, evidentemente, siamo ancora agli aperitivi, il meglio deve ancora arrivare…

http://www.corrierepl.it/2016/07/13/araqua-arte-e-vintage/

.
FB_IMG_1468093846333FB_IMG_1468091587290FB_IMG_1468094058731